La favola del Leicester


Il Racconto

Introduzione
Ogni favola è un gioco che si fa con il tempo ed è vera soltanto a metà canta Edoardo Bennato nella sua celebre canzone. Il cantautore partenopeo ha ragione, ma spesso le favole, da gioco, da sogno, possono trasformarsi in realtà. E sono vere, verissime, e non solo per metà.
La favola della cenerentola della Premier League, capace di vincere un campionato contro ogni pronostico, sbalordendo avversari e critica, la favola di Davide che batte Golia, è l’esempio più recente della storia dello sport, dove tutto sembra scritto, con le grandi potenze economiche a dominare i campionati e coppe varie. Ma non è sempre così, alcune volte, c’è quella sorpresa piacevole che rende tutto più umano.
Si perchè il Leicester è il suo coach, Claudio Ranieri, hanno realizzato qualcosa di incredibile, hanno fatto si che ognuno di noi possa credere nelle proprie possibilità sempre, per raggiungere anche gli obiettivi più difficili, che sembrano soltanto sogni da realizzare. Come il sogno dello stesso Ranieri, quello di vincere finalmente un campionato, si è realizzato a quasi 70 anni, con una squadra che non era partita per portarsi a casa il titolo.
Non smettete di credere nei sogni e pensate al calcio come a un divertimento, prima o poi, con il lavoro duro e tanti sacrifici, i sogni si realizzano. Eravamo partiti per salvarci, poi è successo quello che è successo.... Queste le parole del tecnico di Testaccio, Claudio Ranieri, l’ideatore di questa favola, colui che ha orchestrato la bellissima realtà vincente del Leicester campione d’Inghilterra.

La cavalcata
Il Leicester dunque è campione d'Inghilterra 2015/2016 grazie al pareggio del Tottenham in casa del Chelsea. Le Foxes vincono il campionato per la prima volta nella storia. Un'impresa iniziata dieci mesi prima, quando i bookmaker la quotavano 5000 a 1. I tifosi del Leicester inizialmente non accettarono la scelta di Ranieri: «Cosa avete fatto al nostro club? Ranieri non ha fatto niente negli ultimi anni - La peggiore delle possibilità - Il lavoro degli ultimi anni sarà gettato al vento - Ok: qualcuno sa quando uscirà il calendario di Championship 2016/2017?».
Ma ci misero poco per ricredersi. La cavalcata trionfale è iniziata già nelle prime giornate. Vardy e Mahrez, i due uomini simbolo di questa favola sportiva, si sono messi in mostra fin da subito. Ranieri ha puntato su un blocco di titolari ben definito e non ha mai deviato dalle sue decisioni.
Partita dopo partita il Leicester ha acquisito solidità e compattezza, senza abbandonare l'obiettivo reale: la salvezza. Man mano che il campionato avanzava, però, i giocatori hanno acquisito la consapevolezza che il miracolo era possibile, che vincere la Premier League non sarebbe stato solo un sogno. Le contendenti si sono eliminate da sole.
L'Arsenal non ha retto il confronto e piano piano si è inabissato. Il Tottenham, secondo in classifica, è anch'esso una sorpresa, ma non ha retto la pressione. Chelsea, Manchester United e Manchester City non si sono nemmeno presentate ai blocchi di partenza. Le cosiddette grandi sono cadute una a una sotto i colpi delle Foxes. Ranieri ha insegnato al suo gruppo come stare in campo, ha educato Mahrez, un cane sciolto, ma pieno di talento e ha dato un'identità calcistica a un gruppo che la stagione prima aveva faticato a salvarsi. Il Leicester vince il titolo con 2 giornate di anticipo: 22 vittorie, 11 pareggi e 3 sconfitte; 3 soli passi falsi che si sono rivelati decisivi per alzare il titolo. Bravo e fortunato Ranieri che con il passare dei mesi ha scoperto di avere dei veri e propri campioni, dei diamanti grezzi che sotto le sue cure si sono rivelati. Da Kantè a Morgan, da Huth, difensore goleador, al ninja Okazaki. Non un giocatore ha fallito il suo compito ed è stata quest'impresa di gruppo a sopperire alle mancanze tecniche di un gruppo costruito per salvarsi.

Claudio Ranieri
Quel Claudio Ranieri che si è preso le sue rivincite con tutti, con le società che non hanno creduto in lui, considerato un eterno secondo, un tecnico incapace di portare al successo una squadra. Ranieri effettivamente aveva fallito alcune opportunità, ma nella sua carriera aveva sempre accettato le sfide più difficili, uscendo sempre a testa alta da ogni sua avventura, con la signorilità e la professionalità che lo hanno sempre distinto in questi anni di carriera.
La sua impresa resterà memorabile per anni e da esempio per tutti coloro che hanno obbiettivi nella vita e che davanti alle prime avversità si arrendono.

Considerazioni finali
Nello sport, sono poche le imprese del genere, quelle che hanno visto trionfare piccole realtà, contro avversari ben più blasonati: si ricordi il Verona del 1985 in Serie A, oppure la Danimarca del 1992 e la Grecia del 2004, capaci di vincere l’Europeo di calcio. Ma non solo, tante sono le realtà che hanno visto emergere vere e proprie sorprese che hanno riscritto pagine di storia del calcio. Tutte storie vere, che da favola, sono diventate realtà, assieme a quella del Leicester.
Ognuno di noi ha sperato fino alla fine che le “Foxes” riuscissero a raggiungere la storica vittoria della Premier League, perchè aggiunge sempre qualcosa di speciale quando una piccola realtà compie imprese così belle. Avvicina tutti allo sport, sempre più bistrattato e comandato dal “dio-denaro”, imprese che fanno capire che davvero chiunque, credendo nei propri mezzi, può arrivare a raggiungere traguardi inaspettati.



Foto Story

Leicester campione d'Inghilterra - La premiazioneLeicester campione d'Inghilterra sui giornali europeiLa rosa del Leicester 2015-16


Condividi



Commenta