Serie A 1907 - Milan


Il Racconto


La pratica del pallone continua ad allargarsi nel Paese, ma il campionuto resta affare di pochi club. Da un lato la concorrenza del torneo delle squadre affiliate a società ginnastiche, dall'altro le spese che la partecipazione al campionato indetto dalla Fif comportano, non alla portata di tutte le tasche, contribuiscono a comprimere a sei i club regolarmente iscritti.
Il torneo, strutturato su eliminatorie regionali e girone finale, vede il dominio del Milan, chje si aggiudica il titolo, con un punto di vantaggio sul Torino. In realtà, le lunghezzer di divario rispetto ai granata sono 3 prima dell'ultima partita e proprio l'inutilità di tale match ai fini della classifica consiglia ai dirgienti dell'Andra Doria di rinunciare al viaggio da Genova a Torino. ll che dà un'idea della mentalità del tempo, ma soprattutto di quanto l'esigenza di risparmiare faccia aggio alla volontà agoonistica di partecipare.

Così il Torino può fruire di due punti a tavolino rendendo meno largo il distacco dai rivali campioni.
Sul campo dominano i giocatori stranieri, ma nell'ambiente va affermandosi una decisa tendenza a "italianizzare" il nuovo sport. Motore fondamentale di questa istanza nazionalistica é Luigi Bosisio.
Ragioniere, industriale nel campo tipografico editoriale, per anni si é dedicato alla ginnastica: da atleta sino alla fine del secolo e poi da giurato nelle competizioni ufficiali e da dirigente della Mediolanum. Poi, la sua passione si e concentrata sul gioco del football. Nel 1904 si é adoperato come rappresentante dell'U.S. Milanese per lo spostamento della sede della Federcalcio da Torino a Milano; anche grazie al suo appoggio al nuovo presidente federale Silvestri, la Federazione si e iscritta alla Fifa e il numero delle societa affiliate prende in quegli anni a crescere in modo esponenziale.
Così Bosisio decide di cambiare nome allo sport: basta col "foot-ball", chiamiamolo calcio!




Tutti i risultati



Foto Story

Il Milan vincitore del suo terzo scudetto


Condividi



Commenta