Serie A 1898 - Genoa


Il Racconto


ll gran giorno arriva. Sabato 7 maggio "La Stampa" annuncia «Domani avra luogo al Velodromo Umberto I La Gran Gara di campionato nazionale al "Foot-ball". Dalle ore 10 vi saranno le gare d'eliminazione fra i Clubs: "Internazionale", "Torinese" e "Ginnastica" (sezioni studenti) di Torino e il "Genoa Cricket e Athletic Club" di Genova. Il pubblico é ammesso mrdiantr 0,25 d'entrata. Alle ore 15 la Gran Gara definitiva. Entrata 0,25, palchi L. 1».

Il primo stringatissimo vagito della lunga e affascinante avventura si sviluppa dunque in un'unica giornata, in un periodo peraltro drammatico per l'ltalia, ancora prostrata moralmente dagli effetti della disfatta di Adua e percorsa da fremiti di ribellione al Nord come al Sud. Le proteste provocate dal rincaro del pane, avviate il 26 aprile in Romagna, si estendono in quei giorni fino alla proclamazione di uno sciopero generale e a Milano l'uccisione da parte della polizia di uno studente nel corso di una manifestazione esaspera la "protesta dcllo stomaco". Così, mentre Torino con la sua Esposizione e le sue manifestazioni sportive esibisce in quelle settimana la "faccia normale" del Paese che il governo e il Re tentano di proiettare in campo nazionale ed estero, tutto nel capoluogo lombardo digrigna la risposta più crudelmente repressiva alla protesta popolare. Per una fatale coincidenza, la prima edizione del campionato di calcio va di scena nello stesso giorno in cui, a cento chilometri di distanza, per le strade di Milano rimbombano le cannonate dell'esercito che il generale Fiorenzo Bava Beccaris, nella sua veste di regio commissario straordinario attribuitagli mteggiare la ribellione popolare, fa sparare dissennatamente sulla folla, provocando un orrendo massacro.

Nella quiete del capoluogo piemontese in festa - «la citta é animata e calmissima» si sentono in dovere di puntualizzare le cronache - le quattro squadre iscritte e relativi accompagnatori raggiungono in tram il campo di Porta Susa, all'estrema periferia, nelle prime ore del mattino. Alle 9, davanti a una cinquantina di spettatori, scendono in campo l'Internazionale e il Foot-ball Club Torinese. Vince la prima e subito dopo, alle 11, il Genoa supera la Girmastica Torino. Ben tre squadre, come si vede, giocano in casa. Nel pomeriggio, dopo pranzo, verso le 5, davanti a un centinaio di persone (incasso: 197 lire), si gioca la finale. Il Genoa indossa una camicia bianca con fascia rossa e si impone dopo trenta minuti di tempi supplememari per 2-1, vincendo la prima edizione del campionato.




Tutti i risultati



Foto Story

La prima squadra vincitrice del campionato italiano di calcio: il Genoa, all'epoca in biancoIl Velodromo Umberto I a Torino teatro del primo campionato Italiano.Il portiere del Genoa James R. Spensley.


Condividi



Commenta