Supercoppa Europea 1995 - Ajax


Il Racconto


L’Ajax torna protagonista in Europa, ritrovando lo splendore dei tempi d’oro, grazie a una squadra composta da giovani di talento e uomini d’esperienza. Con i vari Kluivert, Kanu, Davids e Litmanen, l’Ajax riprende a volare in Europa giocando un calcio spettacolare e ritrovando quella Coppa dei Campioni (ora Champions League), nella finale di Vienna contro il Milan, ventidue anni dopo l’ultima conquista targata Cruijff.

Con la Champions League, dunque, torna anche la Supercoppa Europea, competizione dove l’Ajax contava già tre partecipazioni, condita da due vittorie (1972 e 1973) e una sconfitta subita contro il Porto nel 1987. A contendergli il trofeo c’era il Saragozza, che si era imposto in modo rocambolesco sull’Arsenal nella finale di Coppa delle Coppe.

I Lancieri furono costretti al pareggio nella gara d’andata alla “Romareda” il 6 febbraio 1996, un 1-1 firmato da Aguado al 28’ per il vantaggio spagnolo e da Kluivert nel secondo tempo al 70’. Un pari prezioso, che spianava la strada a un Ajax,che nel frattempo aveva vinto anche la Coppa Intercontinentale a Dicembre contro il Gremio.

Infatti gli Olandesi giocano un grande calcio allo stadio De Meer nella gara di ritorno, che non lascia scampo a un Saragozza costretto a subire un perentorio 4-0. Bogare e Finidi aprono la festa dell’Ajax, la doppietta di Blind (entrambi su calcio di rigore) chiudono il conto. In realtà i rigori che l’Ajax si vide assegnare furono tre, ma il primo fu fallito da Frank de Boer al 39’ del primo tempo sul risultato di 1-0.



Foto Story

L'Ajax può festeggiare


Condividi



Commenta