Mondiale Club 2010 - Inter


Il Racconto

L' Edizione 2010 del Mondiale per club si svolge nel dorato mondo di Abu Dhabi, come nel 2009, quando a vincere fu il Barcellona.
Stessa formula come per le precedenti edizioni, un turno preliminare, quarti di finale, semifinali (con l'entrata in scena delle due “teste di serie”, la squadra europea e quella sudamericana. Tutto questo per designare la solita finale della vecchia Coppa Intercontinentale, in questo caso Internazionale di Milano e i brasiliani dell'Internacional di Porto Alegre. Perché chiaramente, tutte le altre avrebbero dovuto fare il ruolo di “damigelle” alle due grandi. Così si pensava fino alla prima semifinale, quando i congolesi del Mazembe eliminano con un secco 2-0 i favoriti brasiliani (per la verità non proprio uno squadrone), facendo saltare per la prima volta nella storia il classico confronto fra il calcio Europeo e quello sudamericano. I gol arrivano entrambi nel secondo tempo, all'8 con Kabangu che colpisce con un destro a giro sul secondo palo e all' 85' con Kalayituka, che trafigge il portiere Bolivar con una precisa e secca conclusione sul primo palo. Gli africani in finale, dopo aver eliminato nei quarti anche i messicani del Pachuca e l'Internacional, che era sbarcato in Medio oriente con grandi aspettative, a raccogliere i cocci di una sconfitta storica.
Il Mazembe in finale trova l'Inter, che aveva rispettato il pronostico con un secco 3-0 ai modesti coreani del Seongnam con i gol di Stankovic e Zanetti nel primo tempo e di Milito nella ripresa. Stesso risultato anche nella finale, con i nerazzurri, che non lasciano scampo ai sorprendenti africani. Di Pandev, Eto'o e Biabiany i gol, che riportano l'Inter sul tetto del mondo dopo quarantacinque anni.
I brasiliani dell'Internacional si consolano con il terzo posto, con un 4-2 ai coreani, già maltrattati dai Campioni d'Europa in semifinale.




Tutti i risultati



Le statistiche del torneo



Foto Story

Festeggiamenti in corso...


Condividi



Commenta