Mondiale Club 2005 - San Paolo


Il Racconto

La successiva edizione nacque nel 2005 quando FIFA e Toyota trovarono l'accordo per un torneo organizzato dalla federazione e sempre sponsorizzato dalla casa automobilistica nipponica. La quadratura del cerchio fu trovata ideando una manifestazione che riprendesse esplicitamente e si ponesse chiaramente nel solco della vecchia Coppa Intercontinentale, ma che al contempo ne costituisse un'evoluzione. La Coppa Toyota del Campionato del Mondo per club FIFA (ing. FIFA Club World Championship Toyota Cup) si sarebbe svolta nello stesso luogo, nello stesso periodo e con lo stesso sponsor dell'Intercontinentale. A tal fine i campioni d'Europa e del Sud America non si sarebbero più incontrati direttamente in finale, ma avrebbero dovuto affrontare preliminarmente in semifinale le due vincenti delle eliminatorie. La formula dell'eliminazione diretta garantiva inoltre snellezza, rapidità e interesse al torneo.
La prima edizione, comportò dunque il pensionamento della vecchia coppa del 1960, sostituita da un nuovo trofeo che richiama, tuttavia, abbastanza chiaramente quello classico, seppur in una forma più moderna (il pallone che viene sostenuto raffigura le varie aree geografiche del globo). Dal 2006 il nome originario della competizione è stato semplificato in Coppa del Mondo per club.
Partecipano le sei vincitrici delle rispettive competizioni continentali. I rappresentanti dell'Oceania, dell'Africa, dell'Asia e del Centro-Nord America si scontrano fra di loro nei quarti di finale. Le vincenti di queste sfide raggiungono in semifinale le vincitrici della UEFA Champions League e della Coppa Libertadores. Oltre alla finale per il titolo si disputano gli incontri per il terzo e il quinto posto.
Come da copione arrivano in finale Liverpool e San Paolo che battono rispettvamente Al-Ittihad e Deportivo Saprissa. Molti si aspettavano Gerrard ad alzare il trofeo, invece vincono i brasiliani 1-0. Il protagonista inatteso fu Carlos Luciano Mineiro da Silva, 30enne centrocampista difensivo, autore del gol partita al 27' del primo tempo. La rete nasce da un invito di Aloisio, Mineiro scatta in posizione regolare e trafigge Reina. Il Liverpool paga una partenza molle, ma dal gol in poi è protagonista unico della partita, colpendo subito una traversa con Luis Garcia. La ripresa si gioca esclusivamente nella metà campo del San Paolo, ma il portiere brasiliano Rogerio Ceni è in giornata di grazia. Prima respinge una punizione di Gerrard, poi dice no ad un tiro ravvicinato di Luis Garcia.
In realtà, il Liverpool segna anche tre volte, ma in tutte e tre i casi l'arbitro annulla. Succede a Luis Garcia e a Hyypia a cavallo del 60' e a Sinama Pongolle all'88'. La vittoria va ai paulisti. Esultano Cicinho e anche le vecchie conoscenze italiane Junior e Marcio Amoroso. Il San Paolo è la prima squadra brasiliana ad alzare il trofeo intercontinentale per la terza volta. Nemmeno il Santos di Pelè ci era riuscito.




Tutti i risultati



Le statistiche del torneo



Foto Story

Festeggiamenti in corso...


Condividi



Commenta